L’applicazione dell’accesso civico negli atti relativi a gare e appalti

Chiarimenti in materia in una sentenza del TAR Emilia-Romagna

Una sentenza del TAR Emilia-Romagna segnalata dalla newsletter La PA Digitale ha fatto chiarezza sulle condizioni di applicabilità dello strumento dell’accesso civico generalizzato nel settore degli appalti.

Col pronunciamento il tribunale ha stabilito che è possibile negare l’accesso civico agli atti relativi a una gara pubblica e alla successiva esecuzione di un contratto perché tali dati, atti e informazioni possono rientrare nella categoria più generale degli “atti delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici", così come disciplinati nel Codice dei Contratti (decreto legislativo n° 50 del 2016, articolo 53, comma 1).

Come è possibile leggere nella sentenza, tale norma “restringe il campo di applicazione del diritto di accesso agli atti richiesti dal ricorrente alle norme sul diritto di accesso ordinario di cui alla legge n° 241 del 1990.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/10/16 09:00:00 GMT+2 ultima modifica 2018-10-09T16:04:11+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina