La Corte UE: no alla conservazione preventiva, generalizzata e indifferenziata dei dati sul traffico e l'ubicazione raccolti dai cellulari

Sul sito del Corriere Comunicazioni la giornalista Patrizia Licata pubblica un articolo a commento di una sentenza emessa dalla Corte di giustizia europea che ha confermato che la conservazione preventiva, generalizzata e indifferenziata di questi dati non è lecita.

Con una sentenza pubblicata la scorso 5 aprile, la Corte di giustizia europea ha confermato che la conservazione preventiva, generalizzata e indifferenziata dei dati raccolti dai cellulari, relativi al traffico e all’ubicazione delle persone, per finalità di lotta ai reati gravi, non è lecita.

Nel pronunciamento si precisa però che le singole autorità nazionali possono disporre una conservazione rapida dei dati subito dopo l’avvio di attività di indagine su reati gravi. Non solo: il diritto comunitario non impedisce l’emanazione di leggi che contemplino attività di conservazione mirata dei dati per la lotta alla criminalità grave e il contrasto alle minacce nei confronti della sicurezza nazionale.

Alla sentenza è stato dedicato un approfondimento a firma di Patrizia Licata su CorCom.

Leggi l’articolo completo sul sito di CorCom.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/04/28 08:30:00 GMT+2 ultima modifica 2022-04-28T10:20:07+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina