Online Documentando, archivio digitale del documentario italiano

“Documentando. Archivio del Documentario Italiano” è la nuova piattaforma digitale ideata dall’Associazione D.E-R Documentaristi dell’Emilia Romagna, dedicata alla conservazione e visione dei documentari italiani che permette di accedere al momento a 160 opere di cinema documentario girate da autori italiani dai primi anni 2000 ad oggi.

È online dallo scorso 15 dicembre Documentando. Archivio del Documentario Italiano, la nuova piattaforma digitale dedicata alla conservazione e visione dei documentari italiani, ideata dall’Associazione D.E-R Documentaristi dell’Emilia Romagna in collaborazione con Regione Emilia Romagna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Configurandosi come la “naturale” evoluzione del progetto Documentando.com, realizzato nel 2006 con lo scopo di pubblicare un catalogo on line cui gli autori e produttori di documentari audiovisivi dell’Emilia-Romagna potessero fare riferimento per compilare schede informative riguardanti le proprie opere, la nuova piattaforma permette di accedere al momento a 160 opere di cinema documentario girate da autori italiani dai primi anni 2000 ad oggi.

I video sono suddivisi in 12 aree tematiche e per ognuno di essi la piattaforma fornisce anche il trailer e una scheda che contiene indicazioni sull’autore, il cast, la sinossi, la produzione e la distribuzione.

Liberamente accessibile e visibile a tutti, anche dall’estero, senza restrizioni territoriali - scrivono i promotori del progetto - l’archivio sarà in continuo aggiornamento, con l’ambizioso obiettivo di divenire autorevole punto di riferimento nel mondo dell’archiviazione e divulgazione dei film documentari, e una fonte importante per studiosi, studenti, professionisti del settore, in cui recuperare documentazione e immagini di repertorio. Sono inoltre già in previsione collaborazioni con l’estero, in particolare con la Spagna, con cui i promotori stanno lavorando per far conoscere e ampliare il progetto”.

Nei prossimi mesi inoltre il progetto crescerà con l’implementazione di nuovi servizi, tra cui la digitalizzazione di materiali in formati obsoleti (U-Matic, BetaCam, VHS) successiva trasformazione in file adatti allo streaming per film su supporto DVD o Blue Ray. In questo modo l’archivio potrà essere ulteriormente arricchito, con l’inclusione di opere meno recenti.

Leggi la notizia sul sito di Emilia-Romagna Cultura.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/02/02 22:10:00 GMT+2 ultima modifica 2022-02-03T18:45:57+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina