Messaggi, video e audio come prove nei processi di giustizia civile: un focus sulle regole

Su Agenda Digitale un approfondimento di Ione Ferranti fa il punto su come messaggi di WhatsApp, file video e audio, pagine web e screenshot possono essere utili nel corso del processo civile, cercando di chiarire quale possa essere il loro valore probatorio.

Su Agenda Digitale un articolo a firma di Ione Ferranti fa chiarezza sull'utilizzo di contenuti digitali, quali messaggi e prodotti audio e video, nell'ambito dei processi di giustizia civile.

Di seguito l'abstract: "Messaggi di WhatsApp, file video e audio, pagine web e screenshot possono essere utili nel corso del processo civile, tuttavia è bene chiarire qual è il loro valore probatorio e le norme che regolano la loro produzione".

Leggi l'articolo completo sul sito di Agenda Digitale.

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/10/28 18:30:00 GMT+2 ultima modifica 2020-10-29T10:12:03+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina