Presentata la proposta per il Regolamento europeo "Data Act"

Pubblicata la proposta per il Regolamento “Data Act”, con cui la Commissione Europea punta a massimizzare il valore economico dei dati, implementando il quadro di principi e misure definito con il Regolamento sulla Data Governance, emanato nel 2020.

Lo scorso 23 febbraio, la Commissione Europea ha pubblicato la proposta per il Regolamento “Data Act”, con il quale si punta a massimizzare il valore economico dei dati, implementando il quadro di principi e misure definito con il Regolamento sulla Data Governance, emanato nel 2020.

Nel dettaglio, mentre con la norma del 2020 sono state definite procedure e strutture per agevolare la condivisione dei dati da parte di amministrazioni, aziende e privati, con il nuovo intervento si definisce un quadro di riferimento riguardante chi possa creare valore dai dati, e a quali condizioni.

L’obiettivo - si legge su Il Sole 24 Ore - è garantire equità nell’ambiente digitale, stimolare un mercato dei dati competitivo, aprire opportunità per l’innovazione basata sui dati e rendere i dati più accessibili per tutti”.

Vogliamo dare ai consumatori e alle aziende un controllo ancora maggiore su ciò che può essere fatto con i loro dati - ha dichiarato in un nota la Vicepresidente UE Margrethe Vestager - chiarendo chi può accedere ai dati e a quali condizioni”.

L’attuazione delle misure previste dal Regolamento - ha dichiarato a sua volta Thierry Breton, Commissario europeo per il Mercato interno e i servizi - permetterà di sbloccare una vasta gamma di dati industriali a vantaggio delle imprese, dei consumatori, dei servizi pubblici e della società nel suo insieme. Finora viene utilizzata utilizzata solo una piccola parte dei dati industriali e il potenziale di crescita e innovazione è enorme. Il Data Act garantirà che i dati industriali siano condivisi, archiviati ed elaborati nel pieno rispetto delle norme europee. Costituirà la pietra angolare di un’economia digitale europea forte, innovativa e sovrana".

Per l’approvazione definitiva del nuovo Regolamento, i prossimi passaggi previsti sono l’esame e la successiva approvazione delle due disposizioni da parte del Consiglio e del Parlamento Europeo.

Leggi l'articolo completo sul sito del Sole24Ore.

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/03/04 12:32:00 GMT+2 ultima modifica 2022-03-04T15:42:57+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina